L'esperto risponde

Ho eseguito lavori di ristrutturazione nel 2013 sul fabbricato residenziale di mia proprietà per i quali sto usufruendo delle detrazioni previste dai bonus dell’epoca, di durata pari a 10 anni, l’ultima delle quali sarà nel 730 del 2023, relativo ai redditi dell’anno 2022. Ora avrei intenzione di effettuare altri lavori sullo stesso fabbricato accedendo alle detrazioni dei nuovi bonus 110% e dei vecchi bonus al 90%, al 65% e al 50%; se dovessi eseguire questi lavori e portare in detrazione fatture emesse nel 2021 perderei le ultime due rate dei vecchi bonus? Oppure non posso accedere a nuovi e vecchi bonus per nuovi lavori finché non sono finite le detrazioni relative ai lavori eseguiti nel 2013? Oppure ancora non ci sono problemi di cumulabilità e posso fruire contemporaneamente delle detrazioni per i vecchi e per i nuovi lavori? 

Non viene perso nulla. I nuovi interventi sono scollegati dai vecchi, quindi le detrazioni fatte precedentemente proseguono invariate fino alla fine, quelle per i nuovi si aggiungeranno. Va ovviamente valutata la capienza fiscale: se non fosse sufficiente si rischia di perdere una quota dei rimborsi.