L'esperto risponde

Casa - Bonus 110% - Regole e soggetti
Unico proprietario di un fabbricato di 70 anni, disposto su tre livelli, piano seminterrato, piano terra e piano primo, e composto da due unità abitative. Queste due unità abitative sono suddivise catastalmente, ma i singoli locali di ogni unità non sono chiusi come un appartamento da un ingresso (vecchie case) ma hanno in comune le scale da piano seminterrato al primo piano, hanno due ingressi in comune uno al piano terra (accesso strada) ed uno al piano seminterrato (accesso garage e strada). Attualmente per il riscaldamento esiste un'unica caldaia a gas con un unico contatore x entrambe le unità, l'impianto idrico è in comune, l'impianto elettrico ha due contatori, anche se attualmente uno è stato sospeso perché un'unità non è abitata. Ora vorrei eliminare la scala che scende al piano seminterrato e costruire una soletta per separare i due appartamenti, così realizzerei un appartamento al piano seminterrato ed un appartamento al piano terra e primo. Per tutto l'edificio vorrei effettuare il cappotto e sostituire i serramenti, per l'appartamento piano terra/primo il riscaldamento rimarrebbe l'attuale, mentre per l'appartamento seminterrato realizzerei l'impianto di riscaldamento a pavimento con la singola caldaia e rifarei il bagno, pavimenti e porte. Al termine dei lavori allaccerò i due contatori gas, i due contatori acqua e i due contatori elettrici. Se il secondo appartamento resterà ancora disabitato devo comunque collegare tutti i contatori per avere diritto alle agevolazioni? Quali bonus posso usufruire per questi interventi? Come mi consigliate di procedere? 

Nel caso di interventi di recupero edilizio che comportino l’accorpamento di più unità abitative o …

Casa - Bonus 110% - Regole e soggetti
A seguito della modifica fatta con la nuova finanziaria all’articolo 119 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, che permette anche a chi è unico proprietario di un condominio di poter accedere alla detrazione vorrei chiedere un chiarimento. La mia situazione è la seguente: io e mio marito abitiamo in una villa bifamiliare posta su due piani + piano interrato cantina costruita negli anni 70. Gli appartamenti sono accatastati separatamente. Attualmente siamo proprietari al 50% in regime di separazione dei beni della nostra prima casa posta al 1° piano della suddetta villa bifamiliare. A breve acquisteremo anche la nuda proprietà, sempre al 50% ciascuno, dell'appartamento al piano terra e del piano interrato cantina. I due appartamenti in questione sono autonomi per quanto riguarda le utenze ad esclusione dell'acqua che è in comune. Hanno un accesso esterno da cancellino in comune ma poi hanno due vialetti divisi che portano a due accessi separati. Internamente hanno però una scala che da piano cantina porta al 1° piano. Da questa scala si può accedere sia all'appartamento al 1° piano che all'appartamento al piano terra. Vorremmo utilizzare il superbonus 110% su entrambe gli appartamenti per lavori di formazione cappotto termico, sostituzione delle caldaie e sostituzione dei serramenti. La mia domanda è la seguente: dobbiamo per forza costituire condominio? Inoltre vorrei sapere se potrei cumulare all'agevolazione ecobonus 110 anche il bonus facciate per la sostituzione dei canali di gronda. 

Le modifiche apportate all’art. 119 (DL Rilancio) - comma 9 - dalla Legge di Bilancio, …